Due video documentari sull’esperienza del Belcanto a Modena

Due video documentari sull’esperienza del Belcanto a Modena

È duplice l’obiettivo di “Modena città del Belcanto”: la formazione e la crescita professionale di giovani cantanti lirici da un lato, e la produzione musicale e la valorizzazione dell’offerta culturale del territorio dall’altro. Ecco perché due saranno i video-documentari che, a partire dal prossimo 27 aprile, verranno diffusi sul sito www.modenabelcanto.it.

Realizzati dalla milanese Gran Tour Production, i due prodotti video hanno lo scopo di diffondere la conoscenza del progetto di alta formazione e produzione musicale promosso nel 2016  grazie ad un protocollo d’intesa sottoscritto da Fondazione di Modena, Comune di Modena, Fondazione Teatro Comunale e Istituto musicale Vecchi-Tonelli, ma anche portare alla conoscenza del vasto pubblico i presupposti, gli obiettivi, gli aneddoti e i “dietro le quinte” di una delle attività che portano alto il nome di Modena nel mondo.

La città emiliana da sempre rappresenta, grazie alla sua secolare tradizione e al richiamo dei grandi nomi della lirica, una meta obbligata per chi voglia perfezionare le tecniche della voce e della presenza sul palcoscenico. Nel documentario in uscita, dedicato alla attività di formazione, Raina Kabaivanska e Mariella Devia si raccontano tra gli altri nel legame profondo con la città e nel sentito ruolo di insegnanti; gli allievi della Masterclass annuale di canto all’Istituto Vecchi-Tonelli Reinaldo Droz e Floriana Cicìo, allieva del Corso di alto perfezionamento per cantanti lirici della Fondazione Teatro Comunale di Modena, esprimono gratitudine e passione per il duro lavoro che li ha condotti a Modena assieme ad altri coetanei provenienti da ogni parte del mondo.

In un momento in cui l’emergenza sanitaria ha reso necessaria la sospensione delle attività scolastiche e formative oltre che ricreative e culturali, sbirciare dentro le aule del teatro modenese e dell’Istituto Vecchi-Tonelli, in attesa che possano tornare a riempirsi, assume il sapore alto e profondo di una promessa di rinascita sul solco della tradizione lirica più acclamata di sempre.

Ecco perché la diffusione, disposta proprio in questo momento, diviene modo ed occasione per restituire alla cittadinanza squarci dei momenti più applauditi della passata stagione del Belcanto modenese: dal concerto del 12 ottobre, che si tiene ogni anno nel giorno della nascita di Luciano Pavarotti e che permette ai giovani talenti dei Corsi di alta formazione di esibirsi insieme all’Orchestra Giovanile della Via Emilia, fino al Requiem di Ruggero Leoncavallo e La bohéme, che ha aperto l’ultima stagione al Comunale di Modena.

Una campagna teaser sul profilo Facebook di Modena citta del Belcanto precederà, con una settimana circa di anticipazioni, la pubblicazione del primo video-documentario dal titolo “Modena, la scuola del Belcanto”.

Nelle settimane a seguire, la pubblicazione del secondo prodotto, dal titolo “Modena, la città del Belcanto”.