Aldo Sisillo, riconfermato Direttore del Teatro

Il Consiglio Direttivo della Fondazione Teatro Comunale di Modena ha riconfermato Aldo Sisillo nel ruolo di direttore e direttore artistico del Teatro.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Aldo Sisillo riconfermato Direttore del Teatro

Si comunica che il Consiglio Direttivo della Fondazione Teatro Comunale di Modena, riunito in data 23 giugno 2021, ha riconfermato all’unanimità Aldo Sisillo nel ruolo di direttore e direttore artistico del Teatro.

Alla guida della Fondazione Teatro Comunale fin dalla sua costituzione nel 2002, Aldo Sisillo è stato promotore di importanti innovazioni nell’attività dell’istituzione, fra le quali l’accreditamento come ente di alta formazione presso la Regione Emilia-Romagna e la nascita della scuola di voci bianche. Il lungo percorso della produzione video di spettacoli in streaming, iniziato nel 2014 in collaborazione con l’Università di Modena e Reggio Emilia, ha affermato il Teatro di Modena fra le eccellenze in campo internazionale e ha portato alla nascita del progetto OperaStreaming, coordinato per la Regione e che coinvolge i maggiori teatri lirici del territorio. Nel contesto di Modena Città del Belcanto, il Teatro si è identificato quale centro nevralgico del rapporto fra formazione e produzione lirica contribuendo a promuovere il territorio in campo internazionale. Per quanto riguarda la programmazione artistica, si ricorda l’apporto decisivo della direzione di Sisillo alla capacità produttiva di spettacoli operistici, all’impulso innovativo per l’opera contemporanea, e all’incremento della programmazione di danza in un unico orizzonte dal classico al contemporaneo.

“Il nostro teatro, intitolato a Luciano Pavarotti e Mirella Freni, grazie anche all’impegno di questi anni del maestro Sisillo – commenta il sindaco di Modena e presidente della Fondazione Teatro comunale Gian Carlo Muzzarelli – è sempre più apprezzato a livello nazionale e internazionale, con un pubblico che arriva a Modena da tutto il mondo attirato dalla qualità delle produzioni liriche. La prospettiva oggi è quella di un ulteriore sviluppo per affermarsi sempre più in campo internazionale, nella valorizzazione della tradizione lirica del territorio, diventare sempre più un punto di riferimento per la realtà locale e le nostre aziende, proseguire nell’utilizzo delle tecnologie digitali, fondamentali nel periodo delle chiusure a causa dell’emergenza per mantenere un collegamento con il pubblico ma strategiche – aggiunge Muzzarelli – anche per allargare la platea degli appassionati”.

In qualità di direttore d’orchestra, Sisillo ha partecipato a momenti memorabili nella storia del Teatro Comunale, come il Requiem di Verdi eseguito nel primo anniversario della morte di Luciano Pavarotti, il concerto per la visita del presidente Carlo Azeglio Ciampi con interpreti Raina Kabaivanska, Mirella Freni e Nicolai Ghiaurov, il concerto celebrativo dei cinquant’anni di carriera di Mirella Freni e diverse produzioni liriche fra le quali La bohème dedicata a Pavarotti nell’ottobre 2019.

Aldo Sisillo ha compiuto i suoi studi musicali presso i Conservatori di Napoli e Bologna e si è laureato all’Università di Bologna in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo. Fra le attività organizzative, è stato fondatore e direttore didattico e artistico dal 1984 al 1994 dell’Orchestra Sinfonica Giovanile dell’Emilia Romagna, dal 1994 al 1996 è stato coordinatore artistico e didattico dei corsi di formazione per orchestra gestiti dalla Fondazione Arturo Toscanini e, dal 1995 al 2000, è stato Segretario Artistico presso il Teatro Comunale di Bologna. Nel 1997 arriva a Modena come consulente artistico. In qualità di direttore d’orchestra è stato ospite di istituzioni sinfoniche italiane ed estere e ha diretto produzioni liriche in Italia e all’estero per teatri quali l’Opera di Roma, il Teatro Nazionale di Atene, Opera-Vallonie di Liegi, Guang Zhou Opera House in Cina, Opera di Tenerife, il Maggio Musicale Fiorentino e Florida Grand Opera di Miami (USA).