Belcanto, la libertà in parole e musica

Torna il connubio tra festivalfilosofia e Modena Città del Belcanto con l’appuntamento in programma sabato 18 settembre alle ore 21 al Teatro Storchi incentrato su violenza del potere e aspirazione alla libertà
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Torna il connubio tra festivalfilosofia e Modena Città del Belcanto con l’appuntamento in programma sabato 18 settembre alle ore 21 al Teatro Storchi incentrato su violenza del potere e aspirazione alla libertà. Si tratta di “Note libere. Tra Schiller, Verdi, Donizetti, Beethoven”, spettacolo tra letture e musica sulla figura di Friedrich Schiller, autore della tragedia Don Carlos, e sulle influenze che i suoi testi hanno avuto sui grandi musicisti romantici. In particolare su Verdi e Donizetti che, partendo dai testi schilleriani, hanno tessuto le loro trame operistiche. L’appuntamento è parte del programma 2021 di Modena Città del Belcanto ed è realizzato grazie alla collaborazione tra l’ Istituto Vecchi Tonelli, con gli allievi della Masterclass annuale di Raina Kabaivanska, e Emilia Romagna Teatro Fondazione. Lo spettacolo presenta una drammaturgia “mista” che alterna alcuni passi del dramma di Schiller recitati dagli attori con alcuni aspetti musicali emblematici dei due grandi operisti italiani.

Don Carlos è il dramma in cui Schiller scandaglia con maggior forza ed ampiezza i nessi che collegano la coppia dialettica violenza del potere/aspirazione alla libertà. Verdi restò affascinato dagli estremi contrasti della sua drammaturgia e soprattutto dall’assunto di fondo, cioè l’idea che assolutismo e ragione di Stato siano inconciliabili con l’aspirazione alla libertà dei popoli e con le inclinazioni personali dei singoli individui, declinando questa sua consapevolezza anche in altri melodrammi. Allo stesso modo Donizetti si ispirò ai temi schilleriani per cantare la risorgimentale carica dell’Italia in formazione. Non mancherà un richiamo musicale a Beethoven che con Fidelio, unico suo Singspiel del 1805, ha trattato il tema nella prospettiva etica a lui consona.