Il Requiem di Verdi per ricordare Mirella

Modena Città del Belcanto ricorda Mirella Freni a due anni dalla scomparsa. Alla grande artista e all’illustre concittadina che ha portato il nome di Modena nel mondo la messa da Requiem di Giuseppe Verdi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Si terrà mercoledì 9 febbraio 2022 alle ore 21 al Teatro Comunale Pavarotti-Freni l’esecuzione della Messa da Requiem per soli, coro e orchestra di Giuseppe Verdi. La partitura sarà affidata al direttore del Teatro Aldo Sisillo alla guida dell’Orchestra dell’Emilia-Romagna Arturo Toscanini, del Coro del Teatro Municipale di Piacenza e del Coro Lirico di Modena preparati da Corrado Casati e di un cast di solisti di rilievo internazionale formato dal soprano Maija Kovalevska, dal tenore Matteo Desole, dal mezzosoprano Annalisa Stroppa e dal basso Riccardo Zanellato. Modena Città del Belcanto ricorda così Mirella Freni a due anni dalla scomparsa. Alla grande artista, all’amica e all’illustre concittadina che ha portato il nome di Modena nel mondo, viene dedicata una delle vette più alte del repertorio lirico e della musica del nostro Paese. Il protocollo Belcanto, formato da Comune di Modena, Fondazione di Modena, Fondazione Teatro Comunale di Modena e Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi-Tonelli, aveva dedicato la stessa pagina musicale a Luciano Pavarotti, nel 2017, a dieci anni dalla scomparsa. Fratelli di latte, amici e compagni nel destino comune di una incredibile parabola artistica, Luciano e Mirella sono per sempre uniti anche nell’intitolazione del Teatro cittadino “Pavarotti-Freni”. Dopo la recita che la vide debuttare giovanissima in Carmen nel ruolo di Micaela, sul palcoscenico del suo teatro, il 3 febbraio 1955, Mirella Freni iniziò una carriera che l’ha vista trionfare, per oltre 50 anni, sulla scena internazionale, scrivendo pagine indimenticabili dell’interpretazione operistica. La ricorderemo tutti per l’impegno e l’abnegazione, oltre che per lo straordinario talento, che l’hanno portata ad affrontare un vastissimo repertorio, adattando con intelligenza la sua evoluzione vocale in momenti diversi della sua carriera, e affrontando con padronanza lingue diverse con risultati stupefacenti, specie nell’opera russa. Nell’ultima parte della carriera, ha saputo trasferire le doti di interprete nelle qualità di un insegnamento che ha chiamato a Modena giovani da tutto il mondo, tanti dei quali hanno fatto di questa esperienza un trampolino di lancio per palcoscenici illustri: Maija Kovalevska, che ascolteremo nel ruolo che fu della Freni, vanta oltre cinquanta rappresentazioni al Metropolitan di New York, oltre che al Festival di Salisburgo, alla Scala di Milano e alla Royal Opera House di Londra. La figura artistica di Mirella Freni, imprescindibile per ogni giovane che si avvicini all’arte del canto, è dunque un elemento fondante di quella tradizione lirica modenese che Modena Città del Belcanto ha voluto preservare, tramandare e far crescere con il proprio progetto di formazione e produzione musicali. Il ricordo di Mirella Freni, oltre che la stima e l’affetto di sempre, porta con sé l’augurio che la sua arte resti di ispirazione alle generazioni future. L’accesso al concerto sarà gratuito ma è necessario ritirare un biglietto presso la biglietteria del Teatro Comunale in Corso Canalgrande 85 a partire dal 29 gennaio. Info 059 2033010 (dal lunedì al venerdì 10.30-13.30), biglietteria@teatrocomunalemodena.it. Orari di apertura sportello: martedì 10 – 19; mercoledì, giovedì, venerdì 16-19; sabato 10-14 e 16-19. Per entrare a teatro sarà necessario il super green pass (salvo esenzioni) e mascherina almeno ffp2. La biglietteria resterà aperta anche il giorno dello spettacolo fino ad un’ora prima dell’inizio.